sabato 26 maggio 2007

una vita col filtro


che non si sappia in giro, ma sono 5 giorni che non fumo. ho toccato solo una sigaretta ed un paio di mozziconi troppo lunghi per non essere appetibili.
vorrei lasciarmi le vie di fuga aperte dicendo che è un tentativo, che ci sto provando etc etc così da poter poi tirarmi indietro; ma preferisco dire che ho smesso, non che sto cercando di smettere. dire che si sta cercando è un trappolone fetente del cervello che cerca di fotterti fin da prima della partenza. mi rendo conto, infatti, di uno sdoppiamento, e non della personalità. come se avessi un ospite in testa che approfitta delle distrazioni, che fa dire cose che non vuoi dire. insomma, più che forza di volonà, mi sembra che si debba fare uso della lucidità, di una attenzione costante. ignoro quali siano i meccanismi della astinenza da nicotina, non so cosa succeda esattamente nel cervello, i recettori, la dopamina, la cazzulina etc etc ma se faccio mente locale non sento la mancanza, non è come avere fame o sete. è come se una vocina interna, autonoma e stronzissima, ti suggerisse subliminalmente di fare qualcosa per riempire dei buchi, ti mettesse in mano il veleno per farti fare quei gesti che fai da venti e passa anni. insomma. è una bestia strana. si muove e cammina su un piano laterale della tua vita. non è un evento centrale, fumare. o almeno non lo è nel 99% dei casi. si fuma consapevolmente e con soddisfazione circa una sigaretta ogni 20, le altre sono automatismi. e sono quegli automatismi che ti fottono. ma non è solo quello. quello che mi impressiona è proprio l'alieno drogato che si infila quando si è sovrapensiero, che ti si vuole inculare perchè delle cellule pervertite sono abituate al veleno. ma ho smesso. ho smesso per tante ragioni. salute, costi, rispetto di sè, avere un idea di sè stessi che sbatte contro una cosa come il NON riuscire a smettere di fare qualcosa. sentirsi dei suicidi coglioni. insomma basta. fatelo. è semplice, non si ulula la notte e non si leccano i portacenere. ovvio che si sia un filino nervosi, ma basta stare attenti, non distrarsi, distrarsi è fatale, come raccogliere la saponetta nella doccia...

5 commenti:

Anonimo ha detto...

io smisi 9 anni fa..ero incinta e non volevo intossicare chi avevo in grembo.Poi ripresi dopo 3 mesi dal parto ma con poche sigarette. Poi l altra occasione la ebbi 2 anni fa ma ripresi perche' non era un bel periodo.Ora fumo soprattutto quando sto al pc,evitero' quando staro' accanto all amore mio ;-)
Scilla

stefi ha detto...

ecco un'altra buona ragione per dire che l'amore fa bene :-)) Stefi

Anonimo ha detto...

sul mio blog .. sei stato nominato . ciao :-****
Scilla5

Anonimo ha detto...

...strano come si possa smettere, diminuire il numero o stare attenti per un amore e non per i figli, che sono l'amore più grande che ci possa venir donato, eppure ci provano a dirtelo in tutte le forme che hanno paura di perderti per quella maledetta sigaretta che ti vendono in mano sempre.
In bocca al lupo...

Viviana ha detto...

Non posso che condividere tutto quello che hai scritto. E fare il tifo per te!