venerdì 25 gennaio 2008

Alla fiera del beota

la cosa che più mi fa girare le palle, adesso, è che la mia vita, quella di mia figlia, la decenza, il rispetto, le scelte economiche, etiche, il possibile smarcarsi dai terzini vaticani, l'introduzione pedagogica di idee di onestà, solidarietà, tolleranza.... tutto questo ora venga messo in mano all'esercito dei cittadini vegetali, rape esangui, menefreghisti satolli; quelli che comprano il biglietto per assistere al processo di Erba, quelli che si incolonnano sulle banchine di porto cervo per sbirciare i vips, quelli che sbraitano dalle curve e dagli spalti, quelli che fanno i blocchi per tutelare i propri orticelli, quelli che pensano un omosessuale sia un pedofilo, quelli che si inginocchiano davanti alle madonnine piangenti, quelli che pensano gli zingari rapiscano i bambini, quelli che in fila alle poste fanno la rivoluzione, quelli che vanno a puttane, quelli che guardano i film porno, quelli che ammazza che gnocca la velina, quelli che chiamano il figlio kevin e la figlia chantal, quelli che comprano il pitone da tenere in casa, quelli che portano i pitbull a giro senza museruola e guinzaglio e si sentono maschi, quelli con la golf nera e lo stereo a palla in doppia fila, il puttanone con pelliccia e suv 4x4, i ladri, i concussi, i concussori, i valvassori, i corifei, i vessilliferi, le truppe da sbarco del varietà becero, quelli che destra e sinistra son tutti uguali, quelli che tutto è un magna magna, quelli che toccano il culo in autobus, quelli che fanno il picnic a 2 metri dalla statale, quelli con le mutande di fuori e il cappellino al contrario, quelli che sporcano che non riciclano ma che poi ah no la discarica qui no, il termovalorizzatore no, quelli che sfruttano, che ammazzano, che sciolgono nell'acido, che estorcono, ricattano, minacciano, i bulli, i bulletti, quelli che delegano ai piercing, quelli che si fanno, che si bevono, che spacciano. tutti questi che poi votano. ma che votano ? ma stai a casa, emigra, sparati. non puoi votare anche per me, per la mia vita, no, non ne hai il diritto, son cose che si conquistano, si sudano, bisogna pensare, sapere, impegnarsi, agire a ragion veduta. no, non è giusto. non mi piace, la democrazia va bene in una società evoluta. qui siamo nel medioevo culturale, siamo alle palafitte mediatiche, ci si scaccola nelle caverne della ragione. cazzo, no, il nano no, no vi prego, la brambilla nooo i leghisti nooooo noooo nooooo !!

4 commenti:

Anonimo ha detto...

come al solito è tragicamente vero.Ma cosa ci aspetta ora?non prevedo miglioramenti...Gio'

lube ha detto...

sacrosanto

Anonimo ha detto...

Sintetizzando il concetto che voglio esprimere: non ci resta che la rivoluzione. O emigrare noi. La vedo dura in entrambi i casi. Stefi

Davide ha detto...

Sottoscrivo in pieno. Ti linkerò nel mio blog. Ho scoperto questo blog, tramite Luigi (piazza alimonda): mi piacciono i tuoi articoli. Davide